Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Salvatore Martino

Se per una volta, almeno in questa giornata, riuscissimo a vincere la stupida presunzione di sentirci padroni di tutto, forse, riusciremmo a individuare un qualche spiraglio che ci aiuterebbe a considerare la vita nella sua interezza e non contingentata entro i confini, spesso angusti, del visibile.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Francesco Caputo

Ricordiamo due belle figure, della storia dello Scalo di Corigliano, che avrebbero compiuto gli anni, oggi e domani. Mons. Flaminio Ruffo e la Sig.ra Maria Le Voci.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Crisi

Che i maggiori istituti, abbiano essi rilevanza civile, sociale o pur’anche religiosa, attraversino una fase di crisi o di confusione, è cosa sotto gli occhi di tutti. Statistiche e accadimenti quotidiani raccontano la caduta di adesioni e lo scadimento del dibattito interno. Ecco, laddove la partecipazione e l’ascolto guidati arricchivano e stimolavano la ricerca e il prosieguo, ora, fanno spicco l’approssimazione e, spesso, la sciatteria, in assenza di maestri e veterani.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Liliana Misurelli

Il salesiano Don Mario Delpiano, nel suo libro: “Il sogno di un’Opera attorno all’Oratorio”, ricorda che prima della storica data del 15 ottobre 1994, a Corigliano, prese vita un primo nucleo di salesiani cooperatori grazie al MOG (Movimento-Orizzonti –Giovani), un gruppo di adolescenti che erano stati conquistati dal carisma di Don Bosco attraverso padre Albino Campilongo, un salesiano che insegnava religione nella scuola media “Garopoli-Toscano”. 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Francesco Caputo

Lo spiega il nome stesso nella sua etimologia, Hallows indica i santi e -een la vigilia (da evening, sera).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Foto tratta dal sito www.coriglianocal.it

di Giuseppe Franzè

Sotto la Chiesa di S. Maria Maggiore abitarono, per secoli, almeno 700 famiglie di Ebrei nel loro rione della Giudecca, posto dentro le mura di cinta e con accesso dalla Porta omonima.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Vangelo di oggi: Lc 18,9-14: In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

I sacrestani

Tra le immagini della fanciullezza, non ancora stemperate dal tempo, ci sono i sacrestani. Due di essi mi tornano più spesso, chiari nelle movenze, nei volti, nella voce: l’uno, piccolo, tarchiato, barcollante nei suoi abiti sdruciti, l’altra, asciutta ed alta, con treccia a tupè, nella veste azzurra e lunga in tutte le stagioni. Aprivano e chiudevano la porta del tempio, ne curavano pulizia e decoro e, nelle ore canoniche, davano voce alle campane, annunziando la festa ed il lutto. Battista e Stella son partiti da più di mezzo secolo, ma so che, a volte, scendono dall’alto, per vedere ciò che accade nella casa terrena di Dio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Francesco Caputo

Hanno fatto il giro dei social ,da facebook a instagram, passando per whatsapp, le immagini del sindaco di Corigliano Rossano, Flavio Stasi, in compagnia di Papa Francesco.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Giuseppe Franzè

Sino al 1400 era ancora il Largo di Cirria, uno spiazzo ai piedi del Cozzo di Cirria, la collinetta dietro il vecchio edifico del Corpo della Guardie Municipali. Situato ai piedi delle antiche Mura, tra le due Torri del Castelluccio e della Cittadella, era collegato con la porta principale della Cittadella per mezzo di un sentiero molto ondulato, che serpeggiava ai piedi del "Roccione", su cui poi fu costruito il grande Convento delle Clarisse, ed in parallelo con la via delle Furche (Via Roma).

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La prima casa
La casa è lì, nel paese antico, antica pur’essa, perché l'abitarono i padri dei padri.
La’ mi giunsero il primo Natale e la tiepida Pasqua e con essi i frutti, che la stagione offriva.
Quanti volti! Ognuno una storia.
Vi torno, talvolta, e tutti ritrovo. Abbiamo tante cose da dirci.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module