Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Anche la Giornata della Memoria, celebrata il 27 gennaio – data simbolo della scoperta degli orrori di Auschwitz – è stata sottoposta ai diktat imposti dalla pandemia, ma all’I.C. Erodoto, diretto dalla dirigente dott.ssa Susanna Capalbo, il Covid non ha fermato i viaggi della Memoria.

Nel rispetto delle normative per il contenimento del rischio di contagio, quest’anno le classi terze della scuola secondaria di 1° grado attraverso la metodologia del role playing hanno rappresentato le pagine tristi del Nazismo e del Fascismo, dell’emanazione delle Leggi razziali, ma anche le storie di speranza e di altruismo. Attraverso un’abile interpretazione, accompagnata da un lavoro di ricerca e di letture  emotivamente coinvolgenti, gli alunni, sono entrati nell'atmosfera drammatica dei lager e hanno interpretato le storie dei sopravvissuti che hanno testimoniato con racconti drammatici gli orrori subiti e a cui hanno assistito. Come non ricordare Anna Frank, Liliana Segre, Nedo Fiano, Andra e Tatiana Bucci, Sami Modiano, Elisa Spinge, Sophie Scholl, Primo Levi, ma anche il sig. Luigi Algieri, nostro concittadino, soldato della nostra Patria durante la II Guerra Mondiale, ma soprattutto  sopravvissuto  ai campi di sterminio di  Auschwitz e  Bocum,  dove ha  assistito alle deportazioni, ha visto donne, uomini e bambini piangere nel dirigersi verso le camere a gas e verso la  morte. Fu proprio in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA 2019 che la dirigente e i docenti della scuola sec. di 1° grado “Erodoto” lo invitarono come testimone diretto di quel periodo in cui il “Sonno della ragione” prese il sopravvento. Accompagnato dal prof. Salvatore Arena e alla presenza di un numeroso gruppo di studenti, docenti, genitori e rappresentanti della cittadinanza, quel giorno, visibilmente commosso, prendendo la parola, raccontò episodi di quell’epoca buia e della sua esperienza di deportato e di sopravvissuto. Alla fine si rivolse ai giovani ai quali indirizzò parole semplici, espresse con dolcezza e Fede nel Signore e in San Francesco di Paola. Invitò tutti a coltivare e preferire la Pace, per respingere e rifiutare la Guerra che porta solo morte e distruzione. “Ed è stato l’ultimo regalo che ha fatto alla gioventù di Corigliano”, queste le parole del prof. Arena che ha curato la pubblicazione di “Luigi Algieri, uscito vivo dai lager nazisti”. Nel nuovo plesso della scuola secondaria di 1°grado Erodoto, attraverso la filodiffusione, i docenti di tutte le classi hanno invitato gli studenti ad una riflessione sulla natura del male e dell’odio, ma anche sui valori della solidarietà, della democrazia e della tolleranza verso la diversità culturale,  per impostare un percorso di conoscenza altamente formativo, fatto di scambio, condivisione e crescita personale.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module