Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Domani 4 ottobre 2019, alle ore 19,00, presso i locali del Beato Felton, nei pressi della chiesa di San Francesco, in Corigliano Centro Storico, ci sarà un incontro-dibattito, propedeutico alla costituzione del Comitato per il Ritorno all’Autonomia (CRA).

Abbiamo inteso partire dal Centro Storico perché è stato l’unico luogo in cui ha prevalso il no alla fusione, ma ne seguiranno altri itineranti in tutto il territorio di Corigliano e di Rossano, con l’obiettivo di informare e coinvolgere i cittadini al perseguimento dello scioglimento del processo di fusione in atto, che fino ad ora ha fatto registrare solo disagi per i cittadini delle due comunità. Anche se nessuno sembra aver finora preso seriamente in considerazione questo aspetto, buona parte del dibattito pubblico sulle fusioni in Calabria e a Corigliano-Rossano, si è articolato intorno a tre problematiche altrettanto importanti: l’assenza di qualsiasi forma di coinvolgimento della popolazione nelle fasi antecedenti alle consultazioni pubbliche, l’assenza di un iter procedurale certo e condiviso, e, l’assenza di studi di fattibilità. Tutti e tre questi aspetti sono di fondamentale importanza per garantire che qualsiasi decisione, venga presa all’interno di una cornice normativa democratica. Gli errori più eclatanti finora commessi sono due: Il primo riguarda il processo di fusione di Casali del Manco, in cui si è realizzata la fusione per “annessione” anche del Comune di Spezzano Piccolo. Ricordiamo, infatti, che la maggioranza della popolazione si era espressa per il no alla fusione. Il secondo, che ci riguarda più da vicino, è quello relativo alla fusione tra i comuni di Corigliano e Rossano, dove si è registrata una percentuale di astensionismo dei votanti che è stata di circa il 70%, e, che la soppressione del quorum di partecipazione per la validità del Referendum, avvenuta in corso d’opera e realizzatasi in sede regionale, tra complicità e disattenzioni varie, ha concretizzato una vera emergenza democratica, intesa a sminuire il valore della partecipazione popolare alla importante scelta che si andava a compiere, dando alla consultazione che si sarebbe dovuta successivamente svolgere, il solo significato di essere formalmente funzionale a scelte già definite altrove e da completare con legge regionale. Auspichiamo ancora oggi, noi del CRA (Comitato per il Ritorno all’Autonomia), che questo grave abuso di esercizio del potere politico porti a rivedere gli atteggiamenti sin qui avuti ed a recuperare responsabilità e rispetto verso i cittadini che avrebbero dovuto, con adeguata partecipazione, esprimere consapevolezza sul futuro destino della propria Città. La proposta di fusione dei comuni di Corigliano e Rossano, nata da ambizioni astratte, prive di interrogazioni sulle ambiguità e le ombre della situazione, appare, anch’essa, più come una “annessione”, che come procedimento spontaneo nato dal basso, per venire incontro ai bisogni dei cittadini delle due comunità. Il Presidente Ciampi, sosteneva che l’Italia è un Paese costituito da paesi e Città, dove il principale elemento di unità e di comunità sono le “differenze”. Un pensiero moderno che allontana e di molto il concetto stesso di fusione, ove non pertinente e non adeguato alle condizioni date. Tale visione traduce, altresì, il senso della democrazia contemporanea che è il concetto del limite dei poteri costituzionalmente separati e della ineludibile pluralità delle funzioni e delle istituzioni sociali ed amministrative che i comuni rappresentano. Il problema attuale, quindi, non è la fusione delle città di Corigliano e Rossano in un unico Comune, quanto promuovere un sistema plurale e sussidiario del quale siano protagonisti quei soggetti e quei poteri che con le rispettive diversità protendano al bene della comunità. In questa prospettiva, il futuro della Città non sarebbe stato affidato ad oligarchie, bensì, a tutte le realtà sociali, economiche, educative, politiche ed istituzionali che operano sul territorio per produrre ricchezza e benessere. Propositi, questi, largamente disattesi dalla fusione, intrapresa senza una spinta progettuale inclusiva di ampio respiro, speranzosa solo di contribuzioni “assistenziali” a venire, neppure al momento definibili. La vicenda gestita con grave e colpevole approssimazione, priva di alcuna riflessione storica e giuridica non ha l’originalità che i protagonisti hanno inteso attribuirsi. Già una legge fascista del 1927, infatti, provvedeva alla soppressione di numerosi Comuni senza un criterio di razionalità. E’ pur vero che rimane attuale il problema dell’adeguamento dell’autonomia comunale al minimo delle condizioni necessarie a renderla vitale, ma questo non era un problema che riguardava il Comune di Corigliano, poiché, per situazioni ambientali demografiche, storiche, culturali ed economiche ha sempre avuto la capacità di provvedere alla cura ed al soddisfacimento dei bisogni dei propri cittadini, predisponendo atteggiamenti virtuosi necessari ad un’armonica soddisfazione degli stessi. Al contrario, la situazione economica del Comune di Rossano, era connotata di notevoli sofferenze, emerse dall’esame congiunto delle rispettive e competenti delegazioni dei due comuni interessati. La fusione a nostro avviso, quindi, per come si è realizzata appare connotata da forti elementi costrittivi, comportanti ricadute negative nelle relazioni intercomunali e non componibili sulla tenuta della coesione sociale, che va sempre preservata come valore tradizionale e fondante delle nostre comunità.

Antonio Gorgoglione (Componente del Comitato per il Ritorno all’Autonomia)

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module