Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Vangelo di oggi: Lc 4,21-30: In quel tempo, Gesù cominciò a dire nella sinagoga: «Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato». Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: «Non è costui il figlio di Giuseppe?».

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La domenica è il giorno del riposo dopo le fatiche della settimana. A me piace prendermi un momento per meditare su quanto ho vissuto, anche voi dedicate del tempo alla riflessione personale?  Ecco un pensiero sul Vangelo di oggi, mi piacerebbe sapere cosa ne pensate:
"Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino"
Lc 4,21-30
_______________________________
 L’entusiasmo passa in fretta, i compaesani hanno già bollato Gesù: non è costui il figlio di Giuseppe? L’hanno chiuso nelle loro categorie, non si aprono alla sorpresa. Non è facile accettare che dalla bocca di un falegname qualunque, un operaio di fabbrica, una mamma di famiglia, un artigiano, escano parole di grazia; entrare nella logica di una profezia laica, quotidiana, che si muove tra vanghe, pentole di casa e arnesi da bottega. Dio abita proprio lì; ma non ci credono: e il non credere produce morte, sempre. Vogliono uccidere Gesù: ma lui passa in mezzo a loro e si mette in cammino. Non fugge, non si nasconde, non si arrende, passa in mezzo, attraversa la violenza e si rimette in cammino dietro al suo sogno. Perché si può ostacolare la profezia, ma non ucciderla. E voi vi siete messi in cammino? 

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Giulio Iudicissa

Ogni volta che a lei io penso, un ricordo recupero e questo è sempre bello, perché mi scalda e mi riconcilia alla vita. Mia madre di virtù ne aveva tante. Non le dichiarava. Le viveva con una semplicità, dono di natura e che tutti le riconoscevano. In un contesto in cui un profluvio di parole già si innalzava, ormai per moda, da cento pedane, luoghi laici o sacri, lei seguiva il suo stile. Sì, perché, pur ricordando, novantenne, i classici della letteratura e i principi delle scienze, lei praticava il silenzio. Parlava poco e il tutto esauriva in poche parole … E parenti ed amici ricorrevano al suo consiglio.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Spero abbiate passato una buona settimana, vi invio con piacere un pensiero sul Vangelo di oggi, spero possa esservi di conforto e di sostegno nella preghiera: 
"Riavvolse il rotolo, lo consegnò all’inserviente e sedette"
Lc 1,1-4; 4,14-21
_______________________________
 Si chiudono i libri e si apre la vita. Oggi la profezia di Isaia diventa carne: dall’antico profeta a un rabbi che non impone pesi, li toglie; non porta precetti, porta libertà. Sono quattro nomi dell’uomo: povero, prigioniero, cieco, oppresso. E quattro i doni che Gesù offre: gioia, libertà, occhi nuovi, liberazione. Con un quinto che spalanca il cielo, raccontando uno dei tratti più belli del volto di Dio: «proclamare l’anno di grazia del Signore». Un anno, un secolo, mille anni, una storia intera fatta solo di grazia, benevolenza, infinita misericordia. I primi destinatari sono i poveri. La buona notizia è Dio che dimentica sé stesso e si china come madre sul figlio che soffre, ricchezza per il povero, occhi per il cieco, libertà da tutte le prigioni. Fioritura dell’umano.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

dii Giulio Iudicissa

Ne ho conoscenza dai manuali di storia e qualcuno ebbi modo di vederlo nella piana della terra in cui vivo. Il granaio: un edificio di grande dimensione, adibito alla raccolta e alla conservazione del grano. Ad esso si attingeva al bisogno, per sostentarsi, per vivere, per non morire. Io ho il mio. Non contiene grano, ma immagini, colori, suoni, voci. È il granaio del mio cuore. Dire quante volte lo visito, non so. Credo spesso, forse, tutti i giorni, soprattutto, di notte. Vi è tutto nel mio granaio: infanzia e fanciullezza, adolescenza e giovinezza, con tutte le anime belle, che con me vissero in rapporto di caldissimo amore. E non si svuota. Più vi attingo, più si riempie di tratti leggiadri.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Vangelo di oggi: Lc 1,1-4; 4,14-21: Poiché molti hanno cercato di raccontare con ordine gli avvenimenti che si sono compiuti in mezzo a noi, come ce li hanno trasmessi coloro che ne furono testimoni oculari fin da principio e divennero ministri della Parola, così anch’io ho deciso di fare ricerche accurate su ogni circostanza,

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Auguro a tutti voi una felice domenica. Il brano del Vangelo di oggi è forse uno dei più famosi che racconta il primo miracolo compiuto da Gesù Cristo.  Ma conoscete il vero messaggio che ci vuole trasmettere? Per aiutarti a comprendere ho scritto alcune parole per te: 
"Riempite d’acqua le anfore"
Gv 2,1-11_______________________________
 Sì, tutto qui. Ma è quanto basta per il compiersi del miracolo. Perché l’amore possa tornare a scorrere nelle mie vene e fare della vita una festa, Dio mi chiede semplicemente di riempire la mia anfora. Vivere in pienezza; riempire di vita la mia esistenza attuale (per quanto fragile, fredda, vuota, sbagliata…) della cosa più semplice: acqua. Di quotidiana normalità. E di presentarla a lui, perché la possa trasformare in meraviglia. A Cana si celebra l’unione tra la mia povertà e la sua ricchezza. Il vino che dà gioia scaturisce da questo incontro; Dio non ricrea dal nulla la mia vita: la trasforma. È l’acqua ad essere trasformata in vino. Dio ha bisogno qualcosa di già dato per poter compiere la sua opera. Ha bisogno della mia umanità, per me un nulla, per lui preziosissima. Cari amici, riempite di acqua le anfore! 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Giulio Iudicissa

La radio si accendeva, di solito, la mattina, durante il disbrigo delle faccende domestiche. Chi possedeva un grammofono, lo usava nelle feste comandate. La tivù, dove c'era, la si guardava dopo cena, per un’oretta. Il telefono, ancora raro, era destinato a brevi comunicazioni. Tutto qui. Eppure, in casa si stava bene e non c'era tempo di annoiarsi. Oggi, la fa da padrone il rumore, che frastorna e stordisce. Radio, lettore, tivù, telefono, tutti e sempre accesi, ma in casa si sta male e di tempo per annoiarsi ce n’è tanto.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il Vangelo di oggi: Gv 2,1-11: In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Sono diffusissime, in Grecia, le trattorie che, d’estate, dispongono i tavoli  all’aperto, spesso sotto un rigoglioso pergolato.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

di Giulio Iudicissa

Qualcosa l'avevo appresa a scuola, vicende familiari me ne riproposero la sostanza, l'esperienza personale, infine, mi convinse senza appello. Quell’antico malvezzo della politica, purtroppo, viene da lontano, non muore, resiste. Quale sia è presto a dirsi: chi governa non si applica anima e corpo alla carica, ma pensa all'altra, più grande e più alta, che gli piacerebbe avere domani. Dunque, si preoccupa di non scontentare gli alleati e di guadagnarne altri e poco importa, se il palazzo diventi mercato. Per un bel tratto sembra che il gioco riesca, ma, all’improvviso, gli accadrà la sorte dei suoi predecessori: si spegnerà come candela.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module