Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

E’ un evento storico quello che il centro arbëresh si prepara a vivere il 7 novembre.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella giungerà in visita ufficiale a S. Demetrio Corone su invito della Amministrazione comunale, in occasione del 550° anniversario della morte di Giorgio Castriota Skanderbeg (1404-1468), principe, condottiero, patriota albanese e difensore della cristianità. Da almeno un paio di settimane, la voce dell’arrivo della carica più alta dello Stato circolava con incredulità in paese, ma solo venerdì mattina ogni dubbio è stato cancellato. Due giorni fa, infatti, è iniziata la pianificazione logistica prevista dal programma messo a punto per la visita del capo dello Stato e del suo entourage. Un elicottero del cerimoniale del Quirinale ha sorvolato l’area attigua al complesso del Collegio di Sant’Adriano, dove la mattina del 7 il presidente Mattarella dall’aero porto di Lamezia in elicottero giungerà a S. Demetrio Corone per presenziare la ricorrenza dell’anniversario nel Collegio italo-albanese di Sant’Adriano. Alle operazioni di pianificazione hanno preso parte il prefetto di Cosenza, Paola Galeone, il colonello Piero Sutera del Comando provinciale dei carabinieri e altri vertici militari, della Guardia di Finanza, della Protezione Civile, dirigenti della Regione e della Provincia. A S.Demetrio Corone Mattarella incontrerà il suo omologo Ilir Meta, presidente della Repubblica di Albania. “Il presidente Meta ha voluto celebrare l’evento insieme al presidente Mattarella in Italia in una comunità arbëreshe per sancire il legame che esiste tra i due popoli –fa sapere il sindaco Salvatore Lamirata - mentre la scelta del Collegio è motivata dal ruolo che l’Istituto ha svolto per il Risorgimento Italiano e per il Risorgimento Albanese”. Per il centro arbëresh, la visita del presidente Mattarella sarà un evento storico e di rilevanza internazionale, essendo la prima volta che un presidente della Repubblica italiana vi mette piede, e contemporaneamente a un capo di Stato straniero. Un evento fuori dall’ordinario. Il presidente Meta, invece, non è il primo capo di Stato del Paese delle aquile in visita ufficiale a S. Demetrio Corone. Prima di lui, nell’ottobre 1995, con grande accoglienza e partecipazione popolare fu la volta di Sali Berisha, poi di Alfred Moisiu nell’aprile 2003, mentre la terza visita di un presidente shqipetaro fu quella di Bujar Nishani nell’aprile 2015.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module