Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Prenderanno il via giovedì  10 ottobre e si concluderanno  domenica 13, allo Scalo di Corigliano presso la parrocchia che porta il loro nome, i solenni festeggiamenti in onore dei santi Nicola Abenante e Leone Somma, martiri coriglianesi uccisi per la loro fede  il 10 ottobre 1227 a Ceuta in Marocco.

Questa parrocchia esiste dal 2001, ed è diretta dai salesiani, che lo ricordiamo operano in città dal 1994. I salesiani hanno preso possesso di questa parrocchia nel giugno del 2013 con l’ingresso ufficiale del parroco don Tome Mihaj, che a fine agosto del 2014 è stato trasferito in Kossovo per svolgere lì la propria missione pastorale, da allora la parrocchia è retta da don Natalino Carandente, che è anche direttore dell’Opera salesiana coriglianese, don Natalino è collaborato  da don Renato Torresan e da don Giuseppe Leva.. Dal 22 giugno 2011 la parrocchia ha una nuova chiesa. Infatti quel giorno alla presenza, tra gli altri, dell’allora vescovo Marcianò, è avvenuta la cerimonia di dedicazione dell’edificio di culto ai santi coriglianesi Nicola e Leone. Ebbene da quel 30 settembre 2001, data ufficiale di avvio dell’attività parrocchiale della Chiesa dei santi Nicola e Leone, sono 18 anni che questa comunità organizza i solenni festeggiamenti in onore dei due martiri coriglianesi della cristianità. Ma conosciamo più da vicino i due santi martiri coriglianesi e lo facciamo attraverso un articolo pubblicato qualche tempo fa sulla rivista Mondiversi dal prof. Enzo Cumino, studioso di storia locale. “Sicuramente il Pendino riveste anche un`importanza enorme per quanto attiene alle radici religiose della città di Corigliano. Lo testimoniano i resti della chiesetta di San Marco, il convento e la chiesa del Carmine, il convento- ospedale dei Fatebenefratelli. Col tempo alcuni di questi beni architettonici vengono trasformati dalla volontà e dalla mano degli uomini. È il caso del convento dei frati Francescani Minori Conventuali, sono nella zona del Pendino intorno al 1223. Tale riferimento e da ritenersi quasi certo, in quanto già in quella data esiste una comu- nità francescana formata dai frati Partenio Adimari, Eligio Terdinari e Ambrogio Pirronio. coriglianesi, discepoli del beato Pietro Chatin di S. Andrea di Firenze, fondatore nel 1220 del protoconvento francescano di Castrovillari. Tale comunità, in cui inizialmente si formano i due giovani Nicola Abenante e Leone Somma, si dota pian piano di una casa vera e propria, mentre utilizza la vicina chiesetta di San Marco. fino ad allora officiata dai Basiliani del Patire. A proposito di Nicola Abenante e di Leone Somma, c'e da precisare che vengono decapitati a Ceuta (Marocco) il 10 ottobre 1227, insieme con altri cinque confratelli calabresi. lnnalzati agli onori degli altari il 22 gennaio 1516 da Leone X, essi vengono solennemente onorati in Corigliano dai Minori Conventuali che reggono la chiesa di S. Antonio e dai Cappucrini di Sant’Anna, fino alla soppressione degli Ordini monastici ad opera dai Napoleonidi (1809) e, successivamente, dai governanti italiani dopo l’Unità(1862-1866).  ln tempi recenti, il culto dei santi Nicola e Leone in Corigliano si è “risvegliato”. Nel 1989, a loro viene dedicata una via cittadina; il 2 luglio dello stesso anno, su un muro di tale strada, è posto un pannello bronzeo, opera dello scultore Carmine Cianci; nel 1994 lo stesso artista riproduce la scena del supplizio dei due giovani santi martiri coriglianesi in una delle sei formelle, che rendono preziosa la porta della Chiesa di Santa Maria Maggiore; il 30 settembre 2001, ad essi viene intitolata la terza Parrocchia di Corigliano Scalo; nel nome dei santi Nicola e Leone viene consacrata dall’Ordinario diocesano di Rossano-Cariati la nuova Chiesa parrocchiale, il 22 giugno 2011.” Per quanto riguarda i solenni festeggiamenti in programma dal 10 al 13 ottobre il programma prevede questi momenti: giovedì 10 ottobre ore 16.30 Rosario alla Madonna della collinetta; alle ore 18 S. Messa animata dai Gruppi di preghiera; ore 19.00 Adorazione eucaristica. Venerdì 11 ottobre: alle ore 16.30 Rosario alla Madonna della catenca; ore 18.00 S. Messa animata dai Salesiani Cooperatori, alle 21 karaoke animato dai giovani e stand gastronomici. Sabato 12: ore 18 S. Messa animata dai gruppi famiglia, alle ore 21.00 Spettacolo musicale “Michele Pucci – Insieme noi” in Mino Reitano story. Domenica 13:  Sante Messe alle ore 8.30, 10.30 , 18.00 animata dai giovani; ore 21.00 I Nuro in concerto.  

 

 

 

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module