Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Giacinto De Pasquale

Hanno preso il via mercoledì scorso 4 ottobre e si concluderanno  domenica 8, allo Scalo cittadino presso la parrocchia che porta il loro nome, i solenni festeggiamenti in onore dei santi Nicola Abenante e Leone Somma, martiri coriglianesi uccisi per la loro fede  il 10 ottobre 1227 a Ceuta in Marocco.

Questa parrocchia, in ordine di tempo, è la più giovane tra quelle attualmente operanti nel territorio coriglianese, infatti esiste dal 2001, ed è diretta dai salesiana, che lo ricordiamo operano in città dal 1994. I salesiani hanno preso possesso di questa parrocchia nel giugno del 2013 con l’ingresso ufficiale del parroco don Tome Mihaj, che a fine agosto del 2014 è stato trasferito in Kossovo per svolgere lì la propria missione pastorale, da allora la parrocchia è retta da don Natalino Carandente, che è anche direttore dell’Opera salesiana coriglianese, da don Renato e don Piervito. Il 22 giugno 2011 la parrocchia ebbe una nuova chiesa. Quel giorno alla presenza, tra gli altri, dell’allora vescovo Marcianò, si tenne la cerimonia di dedicazione dell’edificio di culto ai santi coriglianesi Nicola e Leone, l’interno della chiesa però non era completo, infatti mancavano la vetrata e il crocifisso. Ci vorrà oltre un anno affinché l’edificio di culto fosse completato. Infatti l’anno dopo, esattamente domenica 5 agosto 2012 alla presenza anche dell’artista veneta, Raffaella Benetti, avvenne la benedizione della vetrata artistica e del Crocifisso bronzeo. Si tratta di due opere, ma soprattutto il Crocifisso bronzeo, di rilevante valore artistico, ed è per questo che riteniamo doveroso sottolinearne la portata religiosa e artistica riproponendo le parole dell’artista. Ed in quella circostanza fu la stessa Benetti che spiegò le due opere. “Il progetto della chiesa Santi Nicola e Leone – affermò -  presenta la zona absidale del presbiterio come volume di luce, una grande vetrata che ho interpretato non come elemento decorativo, ma legata indissolubilmente all’architettura a sua volta finalizzata ad uno scopo. Vetrata che introduce così nel volume architettonico l’elemento colorato della superficie, delimitando e illuminando contemporaneamente. Essa non è semplicemente una parete trasparente ma una divisione simbolica e materiale tra due spazi, tra due luci. Lo sguardo trapassa questa frontiera tra lo spazio esterno e lo spazio interno del luogo nel quale si compie la celebrazione liturgica. E’ un passaggio che trasmuta la luce fisica in luce spirituale attraverso le vibrazioni cromatiche che si animano al variare dell’ora che scorre, dall’ombra alla luce”. Per quanto riguarda invece l’imponente crocifisso bronzeo che troneggia sopra l’altare: “Affrontare come artista il tema della Croce – disse la Benetti - pone davanti ad una molteplicità di domande tra le quali come rappresentare la forza di questo segno armonico, la forma dell’astratto puro, l’uomo, il momento estremo dell’abbandono e la massima intimità nel momento dell’abbandono. Ritengo importante cercare di capire come l’immagine significhi il tempo presente, quale linguaggio sia possibile adottare perché un messaggio possa comunicare al mondo d’oggi, quali forme possano essere create perché esprimano una ricerca di senso dell’uomo. La preoccupazione della rappresentazione dovrà allora aprirsi al desiderio di incarnare un senso, di farsi coesione tra l’immagine e la dimensione di fede dell’uomo, andare verso le origini del senso”. Ebbene da quel 30 settembre 2001, data ufficiale di avvio dell’attività parrocchiale della Chiesa dei santi Nicola e Leone, sono 16 anni che questa comunità organizza queste giornate intense di festeggiamenti in onore dei due martiri coriglianesi della cristianità. Domani venerdì 6 è in programma alle 16.30 Rosario alla Madonnina della Collinetta, alle 18 la S.Messa animata dai Salesiani cooperatori e alle 21 si terrà la “Corrida” e saranno allestiti anche alcuni stand gastronomici. Sabato 7 ottobre alle 18 S.Messa animata dal Gruppo famiglia e alle 21 Serata di animazione a cura dei giovani con la partecipazione della scuola di danza “Fantastica Dance” di Carmen Cervino. Domenica 8 tre le Sante messe in programma: alle 8.30, alle 10.30 e alle 18.00 animate dai giovani. Alle 21 è in programma lo spettacolo Cinzia Conso band in concerto. Saranno allestiti stand gastronomici.

 

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module