Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Vangelo di oggi: Mc 1,12-15: In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana.

Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

 Contemplo:

Uno sguardo di giustizia

La misericordia di Dio è come il cielo, che rimane sempre fermo sopra di noi. Sotto questo tetto siamo al sicuro, dovunque ci troviamo; è il tetto della casa del mondo ove gli uomini e le donne vivono, agiscono, peccano, pregano, amano. Su questa folla, dunque, non è fisso un occhio che atterrisce, che spaventa. Certo, “Il Signore dal cielo si china sui figli dell’uomo per vedere se c’è un uomo saggio, un uomo che cerca Dio.” C’è dunque uno sguardo di giustizia: ma a prevalere è l’occhio sorridente dell’amore paterno. Anche noi possiamo offrire un tetto a Dio perché dimori con noi e in noi. Questa è una continuazione ideale della mini-parabola del Cristo dell’Apocalisse: “Ecco, io sto alla porta e busso….

 Commento al Vangelo del giorno:

Gesù è il nuovo Adamo che rinnova con l’umanità il viaggio della lontananza da Dio. Il Figlio viene catapultato nel deserto, cuore della prova. Nel deserto si entra in ascolto del silenzio, che alla gente chiassosa mette paura perché fa più rumore di un martello pneumatico. Il silenzio del deserto aiuta a vincere l’effimero e permette di tuffarsi nell’eterno presente di Dio. Nel deserto Dio Creatore rinnova il cuore dell’uomo; le tribù di Israele, uscite dall’Egitto, diventano popolo; il profeta Elia, deluso e fallito, ritrova slancio per la missione. Nel silenzio Dio comincia a parlare, aggiusta la rotta e mantiene desta la fede. Raramente Dio parla nel frastuono. La creazione nasce dal silenzio, ed ogni nuova creazione comincia dal silenzioso incontro con Dio. Il rumore dà un benessere epidermico, ma miete vittime. Come Maria, il povero in silenzio davanti al proprio Signore fa la storia. Porta a Dio il mistero del proprio io, e quello non meno decisivo dell’umanità tutta. Il silenzio è lo spazio dentro al quale maturano le decisioni. Da ogni deserto si esce trasformati. Scrive Marco: “Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il Vangelo di Dio.” (Mc 1,14). Dopo quaranta giorni Gesù esce dal deserto. L’attesa è finita e le promesse si realizzano. Comincia la fase finale del progetto di Dio. Il tempo presente, anche se c’è chi afferma il contrario, è pieno fino all’orlo della presenza salvifica di Dio perché Gesù riempie di senso infinito i non sensi della condizione umana.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module