Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Francesco Caputo

La vicenda del sedicenne rapinatore di Napoli deve invitarci ad una profonda riflessione. E’ paradossale che proprio in questi giorni, Papa Francesco, ha dato il via libera alla beatificazione di Carlo Acutis, morto anche lui a quindici anni ma per una fulminante leucemia.

Carlo nei suoi appunti scriveva così: “Essere sempre unito a Gesù, ecco il mio programma di vita”. Ugo, il ragazzo di Napoli, aveva un programma di vita diverso fatto di pistole e rapine.  Carlo è morto da eroe, vivendo la sua vita a servizio del prossimo, seppur provato dalla sofferenza e della malattia. Ugo non è morto da eroe, non ha dato la sua vita per salvarne altre, aveva intenzione di derubare un giovane e quest’ultimo si è difeso. Ci saranno ancora purtroppo tanti Ugo e pochi Carlo, spinti da una mania di proselitismo ed imitazione verso degli idoli malavitosi, fatti di cattiveria e morte. Come se non bastasse qualcuno ha pensato di andare a sfasciare il pronto soccorso dell’ospedale, dove medici ed infermieri avevano fatto di tutto per salvarlo. No questo non è possibile e questo in un Paese civile non può e non deve accadere. Gli ospedali sono un luogo “sacro” simbolo di sollievo, aiuto e conforto e non possiamo permettere a nessuno simili atti. Pensiamo a tanti ragazzini che anche nel nostro territorio, nella nostra Corigliano Rossano vanno ad infastidire i loro coetanei, persone che non possono difendersi, che vanno a “scassinare” le cassette delle offerte in Chiesa, che danno fastidio agli anziani. Non bisogna andare lontano e non possiamo permettere che accada anche qui qualcosa di grave e violento. Abbiamo già tanti giovani da piangere, morti per una “strada” maledetta o per un male incurabile. A 15 anni si va a scuola, è il tempo delle prime “cotte” d’amore, si commette qualche “sciocchezza”, ma tutto nei limiti. Sempre dalla parte della giustizia e della legalità senza dimenticare che c’è un'altra vittima, in questa vicenda, il giovane carabiniere. La sua vita sarà provata per sempre. I genitori tornino a fare i genitori, la scuola torni a fare la scuola e mandate i ragazzi negli oratori, nei luoghi di “sana” vita sociale. Chi vi scrive è cresciuto con un pallone nei piedi e con il Vangelo tra le mani, come tanti altri. Purtroppo tantissimi ragazzi crescono con il sogno di una pistola e tanti soldi. Non è difficile capire e scegliere da che parte stare.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module