Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Giuseppe Franzè

Dall’8 d.C. con Ottaviano imperatore, anche la pianura del Crati divenne parte integrante della dodicesima Provincia di Roma, proprio quando questo territorio da anni era ormai egemonizzato da migliaia di veterani romani trasformatisi in abilissimi agricoltori ed allevatori di cavalli.

La pianura del Crati, ed in particolare nel triangolo Cantinella -Schiavonea - Stazione, dove già erano state attuate opere di bonifica, sorsero le ville, piccoli agglomerati attrezzati per una agricoltura avanzata. Quando Traiano nel 98 divenne imperatore di Roma fece realizzare anche la nuova strada jonica Taranto - Reggio Cal., conosciuta con il nome di “La Traiana”, per collegarla a nord con la Benevento – Brindisi (all’epoca, la Calabria era attraversata soltanto dalla Popilia sul versante tirrenico). Tra il 112 ed il 113, lungo la nuova arteria jonica, furono realizzate le “stazioni” di Thurii, Vicesimum -Trebisacce e di Ruskia - Rossano, in considerazione dell’enorme sviluppo economico della pianura del Crati. Anche l’imperatore Adriano (117- 138),  sollecitato dai Romani della pianura del Crati, finanziò la riattivazione del porto di Thurio, poi con collegato con La Traiaba, per agevolare l’esportazione di cavalli, olio e vino. Nel 401 Alarico, re dei Visigoti, in marcia verso l’Africa lungo la via Popilia, fu fermato a Reggio e costretto alla ritirata lungo La Traiana jonica. Giunto a Thurio, prima di avviarsi verso Cosenza, Alarico ordinò un capillare rastrellamento di viveri e foraggi. Nel 456, i Vandali, dopo le stragi di Cosenza, invasero la Pianura del Crati e, dopo avere accumulato anche loro ricchi approvvigionamenti, si avviarono verso sud percorrendo la Traiana. Nel 555, i Goti del re Titila inflissero una sonora sconfitta ai Bizantini di Belisario, che dovette arretrare lungo la Traiana, prima verso Crotone e poi verso Messina. Attorno al 571, la Traiana fu amministrata da Longobardi e Bizantini, perché il territorio a nord dell’attuale torrente S. Mauro fece parte della Longobardia, mentre la parte meridionale fece parte della Romània bizantina. Dall’ 827, la Traiana fu percorsa per anni dalle orde saracene, che, sbarcati dalle loro navi, si abbandonavano a devastazioni e ruberie, donne comprese, sino a costringere i Mauresi ad abbandonare la pianura del Crati per rifugiarsi in collina e fondare il casale di Corigliano. Dopo secoli di black-out e dopo il 1806, anno delle stragi francesi a Corigliano, l’antica litoranea jonica, per decisione di re Giuseppe Bonaparte, fu ammodernata, anche con nuovi tracciati, ed assunse il nome di “La Napoleonica”, per diventare, molto più tardi, la SS.106, passando anche per Corigliano lungo l’attuale via Margherita.

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module