Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il Vangelo di oggi: Lc 16,1-13: In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi.

Lo chiamò e gli disse: “Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare”. L’amministratore disse tra sé: “Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua”. Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: “Tu quanto devi al mio padrone?”. Quello rispose: “Cento barili d’olio”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta”. Poi disse a un altro: “Tu quanto devi?”. Rispose: “Cento misure di grano”. Gli disse: “Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta”.Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce. Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne. Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

 Contemplo:

La decisione:

Signore Gesù Cristo, tu sei la decisione della mia vita.

Tu e null’altro.

Tu sei il creatore delle energie dell’atomo, del corpo dell’uomo e dei suoi segreti. Tutte le bellezze del cielo e della terra si compendiano in te solo. E verrà il giorno in cui tu apparirai nello splendore della tua umanità trasfigurata dalla luce della natura divina. Ma è ancora notte. Tu sei pur sempre nascosto e il mondo che tu hai fatto non ti vuole riconoscere e accogliere. Tu sei ancora sempre il bimbo nascosto in quest’epoca del mondo, che si è ormai fatto decrepito. Tu sei ancora posto a contraddizione nello scandalo della tua morte in croce.

 

Commento al Vangelo del giorno:

Il nostro rapporto con le cose è uno dei temi prediletti da Gesù.

Attraverso la parabola dell’amministratore disonesto e scaltro veniamo messi di fronte, non senza ironia, sembra alla nostra brillante capacità di ingegnarci quando ci troviamo in una situazione di difficoltà e ristrettezza materiale e dobbiamo trovare la via per spuntarla, con mezzi leciti o meno. La cronaca attuale ci sommerge di episodi del genere: speculazioni, corruzioni, concussioni, evasioni, distrazioni di denaro. Gesù vuol farci riflettere sulla nostra contraddittoria ottusità, che sa spingerci a ingegnarci così tanto per spuntarla nelle cose del mondo e invece lascia appisolarsi nella routine il pungolo alla testimonianza evangelica e alla salvezza. Dovrebbe essere l’inverso: dovremmo “fare carte false”, è il paradosso provocatorio di Gesù, pur di vivere e portare agli uomini la buona notizia dell’amore di Dio (fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne – ma saranno realmente “eterne”, cioè salvifiche, quelle dimore?…). Chi mette i beni materiali al primo posto, non sta amando Dio, ma si fa schiavo delle cose, fa della ricchezza il suo reuccio, il suo patetico tiranno.

 

 

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module