Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

di Ernesto Scura

Ottenuto il consenso del Consiglio di Stato (sì, proprio quello, “CONSILIUL DE STAT”) della Romania comunista a contrarre matrimonio (che per quei regimi era considerato un “affare di Stato”) con una cittadina rumena di nazionalità ungherese,mi accorsi che il mio passaporto, benchè ancora valido, non aveva più pagine disponibili per gli ingombranti visti con  ridondanti timbri  di simbologie di regime,tanti erano stati i miei ingressi, transiti e uscite in paesi comunisti.

Quando,dopo aver compiuto gli adempimenti,mi recai in Questura per il  ritiro di un nuovo passaporto, mi sentii dire che, in base alle informazioni  fornite dai carabinieri,non avevo diritto in quanto avevo un procedimento penale in corso. A momenti svenivo.

Per fortuna,un onesto commissario di polizia mi fa accomodare nel  suo ufficio e mi legge le motivazioni (segrete) del rifiuto.Ero incriminato  per aver falsificato il bollo di circolazione apposto sul libretto di un autobus. Io. Io che con gli autobus non avevo nulla da spartire. E con la pazienza e disponibilità di quel commissario venni a capo di come si  era ingenerato quel pasticcio.

Qualche anno prima,un carabiniere,controllando il libretto di circolazione  di un autobus della Scura Autolinee, i cui titolari erano miei congiunti, ebbe la “folgorazione”: il bollo apposto era “certamente” falso e,dopo  aver chiesto a qualche passante chi erano i titolari della Scura Autolinee, stilò un ridicolo verbale nei confronti  di quei presunti proprietari tra i  quali figuravo ...anch’io.

Mi suggerì, quel commissario, di richiedere al giudice l’autorizzazione  al rilascio del passaporto,visto,comunque,che la pena prevista per quel  “reato” prevedeva un periodo di carcerazione inferiore a quello che  avrebbe implicato il diniego.

Quell’imbecille di carabiniere aveva preso due grossi granchi come, poi, fu chiarito in sede di processo :

1º- Il bollo sul libretto era quello originale apposto dalla Motorizzazione

2º-Ernesto Scura non era in alcun modo partecipe dell’assetto proprietario. Intanto io fremevo in quanto l’assenso al matrimonio aveva anche dei termini di scadenza. E Ceausescu non concedeva proroghe. Ma il colmo del ridicolo è che quella incriminazione che,all’improvviso,  stava mettendo a rischio il mio vessato matrimonio,non mi era mai stata notificata,nella presunzione che la mia residenza fosse quella della sede aziendale di quella società di trasporti.

Incaricai un avvocato che contattò il giudice del tribunale al quale espose  i dettagli della questione,specificando che Ernesto Scura, come era ben  noto anche a lui,nulla aveva a che spartire con la Scura Autolinee e che, pertanto,rientrava nella sua discrezionalità autorizzare il rilascio del passaporto, ancor prima della sentenza del processo.

La risposta fu agghiacciante: So benissimo chi sono i proprietari della SCURA Autolinee, che conosco personalmente, ciononostante, non voglio assumermi alcuna responsabilità nella decisione che dovrà essere presa dall’apposita commissione che convocherò al riguardo.

E dire che,pur non volendo assumersi “alcuna responsabilità”, bastava   inoltrare un ordine di servizio interno da inviare tramite usciere al Registro delle Imprese, il cui Ufficio era allo stesso piano e alle dipendenze di quel giudice, e avrebbe avuto in mano il documento che descriveva molto dettagliatamente,con nomi, cognomi e date di nascita,i componenti  l’assetto proprietario della Scura Autolinee,esonerandolo da ogni suo personale coinvolgimento. 

Per fortuna, l’apposita commissione si riunì entro i termini di scadenza dell’autorizzazione al matrimonio e decise l’autorizzazione al rilascio del passaporto,”in via del tutto provvisoria”, in attesa di sentenza.

Quando penso che si sarebbe potuto escludermi sin dall’inizio da quel ridicolo mio coinvolgimento in quel ridicolo processo, facendo ricorso semplicemente al buonsenso, mi vien voglia di urlare. Forte, ma forte, ma fooooorte....

 (Continua....)

Ernesto Scura

 

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module