Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Di Ernesto Scura

 ( Pubblicato,in estratto,sul quotidiano “il Giornale” del 22 11 2019 ).

 il 12 aprirle 1943 è una data che i cosentini non dimenticheranno mai, per il terrore provocato dalle molte bombe sganciate dalla RAF inglese. Era la prima volta,dall’inizio della guerra,che Cosenza veniva scelta per quegli attacchi aerei che causavano più di 130 morti,moltissimi feriti e  gravi danni agli edifici civili del centro abitato.

Non fu risparmiata,dunque,nemmeno la piccola Cosenza,una città  che,al pari di Dresda e Hiroshima,non ospitava fabbriche di alcun tipo,  e figuriamoci se di armi. Dove non vi erano distaccamenti militari,nè italiani nè tedeschi,una  città inerme, isomma,strategicamente insignificante. E allora? Perchè quell’accanimento.? È chiaro,quei rabbiosi accanimenti avevano,semplicemente, lo scopo  di esasperare la popolazione civile italiana che,d’altronde,esasperata  lo era già per le gravi restrizioni alimentari. Mio padre,quel giorno,era partito in treno alla volta di Cosenza,dove  lo aspettava il fratello,insieme col quale doveva sbrigare certe pratiche alla  Direzione Provinciale delle Poste. L’incontro era previsto proprio alla stazione ferroviaria che,guarda  caso,quel giorno era l’obiettivo principale del bombardamento. Ma il risultato del bombardamento fu che il binario rimase intatto. Infatti,mio padre,giunto una mezz’ora dopo quel disastro,scese in corrispondenza della pensilina.Le bombe avevano gravemente  danneggiato l’edificio della Stazione,con gli infissi sfondati per lo  spostamento d’aria e intonaci staccati dalle pareti,soqquadro di tegole e calcinacci sparsi dappertutto.Per fortuna le strutture non subirono danni e non ci furono crolli. Mio zio, si trovava nella sala d’attesa e quando mio padre si rese  conto di quell’mmane disastro fu assalito dal terrore che il fratello  fosse rimasto vittima delle bombe. Quand’ecco che un “fantasma”,imbiancato di polvere,tremante e in lacrime,gli si fece incontro ad abbracciarlo.E finalmente capì che si trattava del fratello miracolosamente scampato alla morte. E giù lacrime e abbracci.

Della Stazione andò distrutto solo l’edificio dei servizi e latrine. La furia delle bombe non risparmiò molti edifici abitativi della città,  come la splendida Chiesa di San Domenico ricca  dei dipinti di un ciclo pittorico del Borremans che andarono distrutti. In successivi bombardamenti andarono distrutti il teatro Rendano, Il Liceo Classico Telesio e la Biblioteca Civica,tre monumenti che onorano la cultura cosentina,e la chiesa del Crocefisso o della Riforma,molto cara alla devozione dei cosentini, nonchè ai cultori  di arte.Denudata del tetto rimase esposta all’ulteriore furia delle  intemperie le cui successive devastanti aggressioni non furono meno gravi delle incursioni aeree.

D’altronde,non vi furono città italiane,ma nemmeno paesini,anche i più insignificanti sotto il profilo strategico,che siano sfuggiti alla  ferocia dei bombardamenti alleati. Durante l’incursione sull’aeroporto di Vibo Valentia del 16 luglio,  venne coinvolto,inspiegabilmente,anche il lontano modesto centro  abitato di Mileto,provocando una strage:39 civili uccisi. Quei bombardamenti, di tipo terroristico,avevano il solo scopo di  fiaccare il morale della popolazione, per annullarne la volontà di  proseguire la guerra,ammesso che ancora ce ne fosse. Ecco alcune  cifre o stime attendibili di questa strategia. Agrigento, 196 vittime, Ancona, 1182  Arezzo 179  Avellino 362,Bologna  2481 Bolzano, circa 200 vittime,Brescia 430, Brindisi 126   Cagliari 990,  Caltanissetta 350, Catania 750,Catanzaro tra 295 e 400 vittime Cesena 700 , Cosenza, 136 ,Ferrara 1071 ,Firenze tra 479 e 700 vittime,  Gorizia, 116 , Isernia, almeno 500 vittime,La Spezia,182 ,Livorno,tra 700  e 1300 vittime,Macerata, 118 ,Mantova 121,Massa 126, Messina, 854,  Modena 368 ,Milano, circa 2200,Napoli circa 7000 vittime, Padova circa  2000 vittime,Pesaro 215 ,Pescara circa 2000,Piacenza, circa 300,Pisa,  738 ,Pola 280 vittime,Pordenone 118 , Potenza 150, Prato 163,Reggio  Calabria, 918 vittime,Reggio Emilia 450 ,Rieti  49, Rimini 607, Roma, tra  3000 e 5000 vittime,Salerno, tra 246 e 600 vittime,Savona.287,Torino  2069,Trento 360-400 vittime,Treviso,circa 1600 vittime,Trieste 686,Terni  1077,Udine 468,Varese circa 190-200 ,Verona,circa 700,Vicenza,circa  1000 vittime,Viterbo 1017,Zara,tra 467 e 1000 vittime. E non fu risparmiata nemmeno la Stazione di Sibari che,pur non avendo,  allora,le caratteristiche di un centro abitato,essendo un semplice snodo  ferroviario,pagò il suo amaro contributo,all’olocausto, con ben 80 morti. Tutti rigorosamente civili,ferrovieri e viaggiatori,nemmeno uno militare. CONCLUSIONI: Quel conflitto bellico,alla luce dei tanti disastri,e sangue,e lacrime patiti  da una logorata popolazione civile,in effetti si svolse,in massima parte,sì  tra due belligeranti,ma che non erano,entrambi schieramenti militari,bensì: -DA UNA PARTE MILITARI ALLEATI -DALL’ALTRA PARTE CIVILI  ITALIANI,INERMI E INDIFESI.  IL RISULTATO ERA SCONTATO.

 

 

Contattaci

Compila questo modulo per richiedere informazioni o inviare un articolo. Sarai ricontattato prima possibile.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.
L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.
La dimensione massima per ogni file è 100 MB
    captcha
    Ricarica
    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.
    giweather joomla module